<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1737715909685065&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Italiano

Ciclisti: sicurezza in strada

I ciclisti non hanno certo vita facile. Le strade asfaltate molto frequentate non sono luoghi fra i più sicuri, ma spesso gli amanti della bici da corsa non hanno scelta e devono affrontare i rischi e le insidie delle vie ad alta percorrenza. Come difendersi e prevenire pericoli e incidenti?

 

La strada è di tutti

È una frase che avete sentito dire chissà quante volte, così tante che sembra diventata ormai un luogo comune. Invece, è una verità molto importante. La strada è frequentata da automobili, mezzi pesanti, moto, bici e anche pedoni. Dunque, la prima regola è rispettare tutti e, ovviamente, prestare la massima attenzione.

La sicurezza in strada per i ciclisti è un argomento da sempre molto dibattuto in quanto non è facile far convivere tanti mezzi diversi e tante persone, che spesso vanno di fretta. Per questo, è necessario adottare le giuste precauzioni ed essere sempre molto concentrati quando si è alla guida. Di qualunque mezzo.

 

Prepariamoci al meglio

L’obiettivo è chiaro: proteggere sé stessi, ma anche gli altri. Insomma, non possiamo certo pensare solo alla nostra incolumità, ma dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per non danneggiare gli altri, che come noi hanno lo stesso diritto di transitare su tutte le strade. Dunque, come prepararsi ad affrontare le strade molto frequentate? Ecco alcuni accorgimenti utili che tutti possono, o meglio devono, prendere per affrontare al meglio le strade cittadine e quelle molto trafficate.

  • Controllare che la bici sia a posto. Potrà sembrare banale, ma non lo è affatto. Prima di affrontare qualunque uscita con la vostra bici da corsa, soprattutto se affronterete strade assai trafficate, dovete essere certi che la bici sia in perfette condizioni. Andreste mai in strada con una macchina che ha i freni rotti? O di notte con i fanali che non funzionano? Sicuramente no. Quindi, perché trascurare lo stato di salute della vostra bici? È molto rischioso uscire con un mezzo di cui non sapete realmente quali risposte può darvi soprattutto nei momenti di emergenza.
  • Non usare gli auricolari. Niente musica e niente telefonate. Quando siete con la vostra bici da corsa, l’imperativo è sicurezza. Gli auricolari di certo non favoriscono la sicurezza sulla strada, bensì le sono nemici. Soprattutto quando pedalate su strade su cui transitano molti mezzi, dovete essere al massimo della concentrazione e sentire tutti i rumori e le voci, per poter essere pronti a rispondere nel modo migliore a circostanze inaspettate.
  • Casco e indumenti visibili. Sono fra i consigli più comuni, ma nonostante questo si vedono ancora molti ciclisti senza casco e con abbigliamento totalmente scuro. Quello del casco non è un obbligo, in quanto la legge non lo impone ai ciclisti, ma è senza dubbio molto saggio indossarlo sempre, per salvaguardare la propria incolumità. Anche avere un abbigliamento colorato, ben visibile, può essere decisamente d’aiuto per esser visti con facilità dagli altri e soprattutto dai conducenti di macchine, moto e camion, in particolare quando c’è poca illuminazione sulla strada.

 

Rispettiamo le regole e usiamo il buon senso

Dopo aver visto quali sono gli accorgimenti utili da seguire per pedalare in sicurezza sulla strada con la vostra bici, scopriamo ora quali sono invece le norme da seguire, per obbligo di legge o per buon senso.

  • Regole del codice stradale. In generale, è bene iniziare ricordando che la bici, sulla strada, è considerata un mezzo come tutti gli altri e quindi il ciclista è soggetto a tutte le regole del codice stradale. Dunque, per proteggere la vostra incolumità, e anche per non ricevere sanzioni, rispettate sempre le norme del codice della strada.
  • Non sui marciapiedi. Le aree pedonali e soprattutto i marciapiedi, sono assolutamente vietate alle biciclette. Dunque, per evitare di causare incidenti con i pedoni, non transitate su questi tratti pedalando. Potete transitare a piedi, spingendo a mano la vostra bici da corsa.
  • Mai senza mani. Andare in bici con le mani staccate dal manubrio è molto rischioso, per voi e per gli altri. È sufficiente davvero poco per perdere l’equilibrio, anche un pericolo non reale, ma solamente una piccola distrazione. Se la bici non è ben salda nelle vostre mani, basterà una frazione di secondo per perdere totalmente il controllo del mezzo.
  • Non rispondere al cellulare. È senza dubbio molto utile avere il cellulare con sé quando si è in bici, ma questo deve essere messo nella tasca posteriore della maglia, o nella borsa da telaio, oppure potete optare per un altro accessorio per bici da corsa per riporre il vostro smartphone. Nel caso riceviate chiamate, notifiche o messaggi, non dovete assolutamente rispondere, controllare o leggere mentre siete in movimento. Se proprio volete verificare immediatamente chi vi ha cercato, fermate la bici, trovate un posto sicuro lungo la strada, e con tutta calma prendete il cellulare per rispondere a chiamate e messaggi.
  • Luci anteriori e posteriori. L’articolo 182 comma 9-bis dice che “il conducente di velocipede che circola fuori dai centri abitati da mezz'ora dopo il tramonto del sole a mezz'ora prima del suo sorgere e il conducente di velocipede che circola nelle gallerie hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retro-riflettenti ad alta visibilità”. Inoltre, L’articolo 68 del Codice della Strada prevede che le biciclette siano provviste anteriormente di luci bianche o gialle, posteriormente di luci rosse e di catadiottri rossi e sui pedali di catadiottri gialli, con analoghi dispositivi che devono essere applicati sui lati. Se si pedala su strada poco illuminate e in orari in cui c’è poca luce naturale, è bene osservare queste norme.
  • Semaforo rosso. Fermarsi al semaforo quando questo è rosso non è una scelta che dipende da alcuni fattori, ma è obbligatorio per tutti i mezzi, bici da corsa comprese. È davvero consigliabile rispettare questa regola, in quanto capita spesso che si verifichino incidenti anche gravi, in situazioni in cui sarebbe stato semplice evitarli.
  • Non invadere la corsia. Attenzione e buon senso, sono due ingredienti che possono salvaguardare più di ogni altra cosa la vostra incolumità quando siete alla guida della vostra bici da corsa. Dunque, tenete sempre la destra della carreggiata, non invadete la corsia e, quando siete in coppia o in gruppo, non viaggiate affiancati, ma sempre in fila indiana.
  • Non tagliare le curve. Ricordate sempre che siete in allenamento, non in gara. Le strade non sono chiuse al traffico e dunque è molto rischioso tenere comportamenti simili a quelli che si adottano in gara, come per esempio tagliare le curve. È bene rispettare questo accorgimento su qualunque tipo di strada vi troviate, cittadina o di campagna, larga o stretta. La sicurezza in strada non ha luoghi e non ha misure, ma è da ricercare sempre e ovunque.

 

Conclusione

Gli accorgimenti per aumentare la sicurezza dei ciclisti in strada, non sono mai troppi. Salvaguardare la propria incolumità e quella degli altri, quando si viaggia su strade più o meno trafficate, deve essere sempre il primo obiettivo. Concentriamoci sulle cose importanti e dimentichiamo il resto (per esempio il cellulare). Godiamoci la pedalata, ma prestando sempre la massima attenzione a dove mettiamo le ruote.

VUOI PROLUNGARE LA VITA  DELLE TUE RUOTE?  Impara come con la "guida al check up  delle tue ruote"  Con questa guida potrai   * conoscere in dettaglio i componenti di una ruota per bici da corsa;   * conoscere quali parti della ruota vanno controllate e come farlo;   * imparare a riconoscere i segnali di una ruota da sostituire. SCARICA ORA

ursus-logo

Ultimi articoli

Ursus e Team Total Direct Energie, ruote speciali per celebrare il rinascimento del ciclismo

Sono colorate, molto particolari e nascondono un messaggio di fratellanza: le nuove ruote Ursus sottolineeranno...

Leggi l'articolo

Giro d’Italia 2020: pedala come un pro sulle strade dello stivale, con la guida tappe di Ursus

La carovana del Giro d’Italia avrebbe dovuto sbarcare lo scorso 12 Maggio, dopo le tre tappe ungheresi di apertura. Sarebbe poi ripartita d...

Leggi l'articolo

Ultimi post